Tag Archives: libri

LUCCA COMICS HEROES 2017 – Edvige Faini

Advertisements

LUCCA COMICS HEROES 2017 – Alberto Da Lago

#PaoloBarbieri #, #IvanCavini, #EdvigeFaini, #AngeloMontanini, #DaniOrizio, #LucaParrillo #LuccaComics&Games, #AssociazioneItalianaStudiTolkieniani, #LordsForTheRing,

 

LUCCA COMICS HEROES 2017 – Ivan Cavini

#PaoloBarbieri #, #IvanCavini, #EdvigeFaini, #AngeloMontanini, #DaniOrizio, #LucaParrillo #LuccaComics&Games, #AssociazioneItalianaStudiTolkieniani, #LordsForTheRing,

 

 

Lucca Comics Heroes 2017 – Paolo Barbieri

#PaoloBarbieri #, #IvanCavini, #EdvigeFaini, #AngeloMontanini, #DaniOrizio, #LucaParrillo #LuccaComics&Games, #AssociazioneItalianaStudiTolkieniani, #LordsForTheRing,

Raffaele Vicenzi racconta il Crema Comics & Games 2017

#Crema (CR) l’8 Agosto si è tenuto presso la Piazza Fulcheria, la seconda edizione del #CremaComics&Games. La cosa che mi ha colpito subito è l’elevata attività di eventi nella zona; infatti, esattamente dall’altra parte della zona in cui si svolgeva, c’era un evento sportivo, segno che la città, soprattutto in estate, ci tiene a dare al turista diverse alternative e sicuramente per un fenomeno mondiale sempre in crescita come i #cosplay, #videogame e i giochi #rpg, posso dire che sia stata veramente un’ottima scelta.

Qui il videoclip della giornata con soundtrack: Endless Night by Robbero: BUONA VISIONE!!!!

L’evento è stato organizzato da #ProgettoGaming, la quale è “un’associazione che prende vita dalla volontà di diffondere la cultura del mondo ludico, in tutte le sue forme. Cercando di coinvolgere grandi e piccoli in progetti con finalità sia ricreative che educative, si pone una missione di vitale importanza: il divertimento costruttivo”. Tra le varie attività troviamo: presentazione giochi, #tornei di videogiochi online e offline, tornei di giochi di carte,  giochi da tavolo e miniature e tanto tanto altro.

Aggiungerei con soddisfazione che, nonostante la manifestazione fosse solo alla seconda edizione, gli organizzatori hanno fatto un ottimo lavoro, gestendo alla grande tutti gli imprevisti che una cosa del genere può prevedere. Molto bello e divertente il #CosplayContest presentato ed animato da #GabrieleGobboValenti e molti molti ospiti nei vari contesti che hanno partecipato alla manifestazione come: #GiadaBessi#CeleVeleno#FabioPorfidia #AikaRain #Inserius #KellyHillTone #LuigiBigioCecchi #ElvioRavasio #ChiaraMarazzi #AngeloPorazzi #PietroGandolfi…

Numerosi erano gli stands con:

#DragonsPowerGaming #RedGloveEdizioni&Distribuzioni #DeathsProject #Asterion/Asmodee#RavenDistribution #NoLandsComicsITA #OrgoglioNerd

e molti molti altri ancora…Grazie a tutti per la splendida esperienza!!!!

Raffaele Vicenzi racconta Lords For The Ring @Comics League of Brixia (BS) Part.3 #EdvigeFaini

edvige-fainaPer quanto riguarda #EdvigeFaini, come è stato più volte ripetuto durante questo e i precedenti incontri, è l’unica rappresentate femminile di questo progetto. Ma prima di proseguire vorrei soffermarmi su una mia personale considerazione a proposito di questa artista. A livello personale posso dire, avendo visto all’opera tutti i #Lords (anche solo per breve tempo), che il livello tecnico con il quale essi si esprimono è a dir poco mostruoso; oltre tutto è notevole la loro capacità di esprimere e raggiungere un determinato risultato artistico, attraverso le loro enormi capacità tecniche e conoscenze accademiche, oltre quelle culturali. Detto questo però c’è una cosa che mi ha colpito di più di tutti di #EdvigeFaini e cioè quella capacità “ultraterrena” di rendere le sue ambientazioni (per quanto surreali, improbabili o fuori da ogni tempo) talmente reali che inducono il nostro subconscio a credere che Edvige abbia effettivamente visto quelle “cose” durante “qualche suo viaggio interspaziale’”.

  1. L’Ira di Smaug 

Ma procedendo con il racconto,  molto tempo è stato speso per “L’Ira di #Smaug”; questo perché non ha nascosto la sua predilezione a sviluppare artisticamente creature fantastiche. Di questa opera Ella ha voluto segnalare alcuni aspetti riguardanti più che altro le simbologie ed alcuni dettagli sulla realizzazione di #Smaug. Innanzitutto #EdvigeFaini, chiarisce fin da subito che al suo #Drago voleva dare un aspetto (utilizzando un gergo colloquiale) “ignorante”, una cattiveria, bruta, d’un’ira veramente bestiale. Per questo, avendo molte conoscenze delle creature della cultura giapponese, ha voluto interpretare quest’ignoranza prendendo dalle caratteristiche facciali di alcuni elementi del #Godzilla e del #Kaiju (vedi film di fantascienza Pacific Rim 2013), come per esempio quelle specie di protuberanze cornee che sembrano formare un elmo.

Altra cosa è la disposizione delle ali spiegate lungo la ormai famigerata #diagonale del quadrato per dare movimento alla scena, che di fatto la divide in due momenti: quello alle spalle del #drago, che rappresenta il passato quando #Smaug era ancora nella grotta della #MontagnaSolitaria e quello sotto il #Drago, il quale con le sue ali sembra avvolgere la cittadina degli uomini di #Dale (sul #LagoLungo), già in fiamme dopo il primo attacco aereo (tempo presente). Ed infine vediamo come #Smaug sia già gonfio e con il petto ben in vista pronto per sferrare il secondo attacco (futuro). Ma oltre che questo elemento passato-presente-futuro, possiamo notare come la diagonale in realtà possa essere quell’espediente per rappresentare il contrasto tra i colori freddi della montagna e i colori caldi delle fiamme. In conclusione #EdvigeFaini ha fatto notare alcuni piccolissimi dettagli che riguardano la coda di #Smaug. Quest’ultima appare tòrta e ripiegata su sé stessa ricordando le forme dell’#AnelloDelPotere ed intrisa dell’oro dal tesoro custodito nella montagna; Inolre l’oro è disposto  lungo la coda in una maniera che sembra ricordare le scritte incise nella lingua di #Mordor sull’#anello

2. La Caduta di Nùmenor

Passando a “La Caduta di #Nùmenor”, l’aspetto centrale della ricostruzione dell’evento è il ricordo della “Caduta di #Atlantide” raccontata nei #DialoghiDiPlatone. L’elemento dell’acqua inoltre passa per il centro del tableu partendo dalla diagonale in alto e mettendo ben in risalto la frattura creatasi nel terreno. Molto importante, sottolinea #Edvige Faini, è il fatto che ha potuto porre come elemento di continuità tra le due opere (oltre che il tema della distruzione) anche quello degli elementi alchemici dell’acqua e fuoco. Altre due cose molto importanti, a proposito della realizzazione di questa opera, sono la presenza di #Ilùvatar nello spazio celeste che divide la frattura creatasi e il dettaglio delle case poste in secondo piano in formato ridotto, le quali, se si fa un po’ d’attenzione, possono rappresentare quell’elemento che ci porta all’interno dell’opera stessa: una casetta ancora con le luci accese i quali abitanti sono stati colti di sorpresa. La si può trovare in basso a sinistra, posta sull’orlo della voragine causata dalla frattura improvvisa del terreno.  Invece la figura del volto di #Ilùvatar è stata rappresentata incrociando la visione greca del dio #Zeus e quella del Dio cristiano. Edvige inoltre fa notare che #Illùvatar durante tutto il Silmarillion si sente la sua presenza, ma solo in questa occasione è veramente presente sulla scena e quindi ha voluto rendere questa sua presenza davvero forte e speciale.

Raffaele Vicenzi racconta Lords For The Ring @Comics League of Brixia (BS) Part.1

danyorizio#LordsForTheRing, continua il suo tour di presentazione e dopo l’esordio a #Fantastika presso il borgo Medievale di #Dozza e il #LuccaComics&Games, un nuovo incontro ha avuto luogo a #Brescia presso la fumetteria #ComicsLeagueOfBrixia. A presenziare #SaraAranelGiannotto dell’#AssociazioneItalianaStudiTolkieniani, promotori ed esecutori di questo progetto, mentre i #Lords che sono intervenuti all’evento erano: #AngeloMontanini (direttore artistico del progetto), #EdvigeFaini e #DanyOrizio.  I temi affrontati non sono stati solo di tipo analitico delle opere, ma sono usciti, grazie alle domande dei presenti, alcune digressioni che hanno arricchito e reso ancora più bello l’incontro. Per comodità pubblicherò i seguenti post che affronteranno questi argomenti:

  1. Il problema della ricerca dello ‘stile di un autore
  2. Manuale e/o digitale: sviluppo delle arti attraverso la tecnologia
  3. Spiegazioni delle opere, #AngeloMontanini, #DanyOrizio e #EdvigeFaini.
  1. Il problema della ricerca dello ‘stile di un autore’

Uno degli argomenti trattati durante la presentazione del calendario e delle opere relative agli artisti presenti, è stato quello della definizione del concetto di “stile di un artista”. Giustamente, come faceva notare #DanyOrizio (a seguito di della domanda di un ragazzo presente all’incontro), lo “stile di un artista” non è da definirsi un qualche cosa di statico o di finito, ma piuttosto un insieme di “fotografie” di più periodi dell’artista stesso. Si faceva l’esempio del famoso Periodo Blu di #Picasso che alla fine non ha niente a che fare con gli altri suoi periodi. Quindi uno stile non si può definire un qualcosa che caratterizza l’artista fin dall’inizio, ma possiamo vedere un’evoluzione tra i vari periodi, che magari alla lunga è possibile trovare, all’interno di essi, delle continuità o delle caratteristiche estetiche ricorrenti. Resta comunque un analisi che eventualmente può essere presa in considerazione solo di fronte ad una lunga carriera alle spalle dell’artista.

Il bisogno quindi di ricercare un proprio stile nell’arte potrebbe essere già sbagliato in partenza: mi spiego. Per me il problema che sta all’inizio della nostra proposizione, è il termine stile che confonde le idee. Quindi forse meglio parlare di un percorso di un artista più che di uno stile, poiché tutti gli stili degli artisti alla fine pur ‘essendo’ , ‘divengono’ sempre fino alla morte di essi, o se si vuole: “è lo stile stesso che è, quando diviene” (che evolve). Senza addentrarsi in volumi di filosofia, anche io quando ero agli inizi della mia carriera di musicista o di scrittore fu la mia prima preoccupazione: cercare il mio stile e vedere a quali artisti era più vicino. Forse più che la parola stile renderebbe maggiormente parlare piuttosto di tracce o di marchi di fabbrica dell’artista, che si ripetono, magari in forme diverse, attraverso questo percorso.

In realtà, a seguito delle riflessioni uscite dal meeting, ho potuto constatare come questo, apparentemente banale argomento, in realtà nasconda molti livelli di analisi che vanno presi in considerazione, tra i quali il più rilevante è sicuramente, l’organizzazione e lo sviluppo di quei processi mentali, ragionamenti e pensieri che portano l’artista a trovare la migliore via tecnica espressivo-estetica per metterli sul tableu. A questo punto risulta ben chiaro che sono questi ‘processi mentali’ a caratterizzare la stesura dell’opera e che di volta in volta cambiano in quanto condizionati dallo stato d’animo, dalla tipologia di pensieri (che in quel periodo l’artista sta affrontando), dal periodo storico e, perché no, dalla tecnologia a disposizione per manifestare e rendere chiara l’opera che fino a quel momento viveva ancora sotto forma di idea nella testa dell’autore. In breve lo stile si potrebbe definire quel particolare percorso interiore artistico-filosofico-esistenziale di studio e di miglioramento personale e tecnico, attraverso le problematiche del sé interiore in rapporto con l’interpretazione del mondo e dell’esistenza, una via alternativa per interpretare l’universo e noi stessi in esso. Perciò la parola stile sarebbe quindi più corretto utilizzarla nell’ambito artistico accademico per la categorizzazione e la catalogazione di quelle opere artistiche collocate all’interno di un contesto storico generale, una standardizzazione che può essere utile nell’insegnamento teorico e pratico della disciplina artistica. In conclusione un giovane artista che dice ‘che deve trovare il suo stile’, infondo non sta dicendo nulla di dissimile dal  ‘che deve trovare sé stesso attraverso un percorso artistico’.